POLLI ORNAMENTALI
 
home
breda
ciuffata
padovano
malese
moroaseta
cochin
wyandotte
conigli
link
  MOROSETA

La Moroseta

La Moroseta è una razza originaria della Cina, nata con ogni probabilità da una mutazione genetica sulla quale è poi intervenuta la selezione. Tale mutazione ha fatto sì che la penna perdesse in rigidità con il venir meno della componente cheratinosa portante; inoltre, l’impianto delle barbe sul rachide avviene non ai due lati del rachide stesso, come nel piumaggio normale, me si “disperde” su tre lati in modo asimmetrico. Le barbe, inoltre, sono prive delle terminazioni ad uncino dette barbule che consentono al piumaggio normale di chiudersi serrando le barbe l’una all’altra. Di qui deriva la morbidezza ed il volume del piumaggio, notato già da Marco Polo nel XIII secolo, ma anche la scarsa resistenza agli agenti atmosferici.

La sericità del piumaggio è una caratteristica tipicamente asiatica: la si riscontra infatti anche nella Nagasaki, seppur molto raramente. A causa della struttura stessa delle penne, la Moroaseta non è in grado di volare.

Altre caratteristiche della Moroaseta sono il pigmento color piombo della pelle e della muscolatura e la presenza del quinto dito. Gli orecchioni ed i bargigli sono azzurri, quasi turchesi, mentre nel gallo la cresta ha la forma di una mezza noce posta di traverso. Inoltre, altri ornamenti sono un ciuffo di ridotte dimensioni, ed una barba folta ma non lunga nella varietà specifica. Ne esistono infatti due varietà, delle quali quella sprovvista di barba è la più antica. Infine, le zampe sono ricoperte di non abbondantissime piume.

La Moroaseta è una razza ornamentale, anche per la bellezza dei colori: a causa della relativa capacità del piumaggio di assorbire la luce, acquistano una tonalità pastello quando sono accesi (oro e arancio nella colorazione selvatica; argento, piombo e grigioperla nella grigio argento; fulvo intenso; nero con i riflessi del velluto nella nera. Altri colori sono: rosso, blu, grigioperla e barrato. La più popolare, però, rimane la colorazione bianca, specialmente dopo il bagno e l’asciugatura che precedono le esposizioni: un candore che sembra splendere di luce propria. È un’ottima covatrice.

       
Moroaseta nano bianco
Moroaseta perniciato argento
   
   
Testa di Moroaseta maschio
 
Moroaseta perniciato
   
Moroaseta bianco, con barba