POLLI ORNAMENTALI
 
home
breda
ciuffata
padovano
malese
moroaseta
cochin
wyandotte
conigli
link
  Padovana

La Padovana è oggi uno dei fiori all’occhiello dell’avicoltura italiana, avendo superato tempi difficili in cui le caratteristiche di razza andavano inesorabilmente scomparendo. Può sembrare un paradosso, ma la razza è stata salvata dall'estinzione grazie al lavoro di conservazione e selezione svolto da allevatori stranieri: si è rivelata, infatti, un’autentica fortuna l’aver avuto una ‘patria alternativa’ nei Paesi Bassi, dove è considerata razza autoctona. La denominazione ufficiale della Padovana presso l’Entente Européenne è oggi Paduaner o Padoue nelle lingue ufficiali dell’Entente; per l’Olanda è Nederlands Baardkuifhoen e per l’Italia, appunto, Padovana. La Nederlands Baardkuifhoen - Ciuffata olandese con barba - e la Padovana sono praticamente la stessa razza. Sia a livello europeo che in Italia, infatti, non si fa distinzione tra la le due razze. Anche in Olanda, inizialmente, veniva chiamata Padua, vale a dire Padova. Tale denominazione venne sostituita nel 1923 con quella, appunto, di Nederlands Baardkuifhoen. Padovana e Nederlands Baardkuifhoen sono semplicemente i nomi di una razza che nei secoli andò soggetta a selezione più o meno attenta a seconda del Paese in cui venne allevata.

Origini. Il gene del ciuffo con ogni probabilità seguì lo stesso itinerario del gene delle cinque dita. Dalla Cina, attraverso le steppe russe, oppure lungo la Via della Seta, e grazie forse all’intervento dei Celti, il pollo ciuffato raggiunse il nord dell’Europa. Un reperto osseo del IV secolo dC rinvenuto in un tempio romano britannico del Somerset, in Inghilterra, parla chiaramente e inequivocabilmente di un pollo ciuffato. Il gene del ciuffo può essersi stanziato in Russia (vedi la Pavlov), come pure in Polonia (vedi la Polish) e raggiunse senz’altro anche l’Olanda nonché a suo tempo la penisola italiana, come documentano le statuette di arte imperiale romana presenti nei Musei Vaticani databili intorno al I-IV secolo dC che ritraggono polli ciuffati, dotati di un ciuffo del quale non fecero mai menzione Aristotele, Varrone, Plinio e Columella, che vissero tutti quanti in un’area mediterranea in cui il pollo era invece giunto dal Pakistan attraverso la Persia e la Grecia.

padovano_2

       
Padovana bianca
Padovana nana camosciata, a piuma arricciata
   
   
Padovana oro orlata nero
 
Padovana blu
   
Padovano bianco